Image of an inspector looking at a solar panel. In the background you can see Wind Turbines. Two different technologies to produce energy in a responsible and sustainable way (ISO 100) . All my images have been processed in 16 Bits and transfer down to 8 before uploading.  [url=http://www.istockphoto.com/file_search.php?action=file&lightboxID=7053550] [img]http://www.ll28.com/istock/solarpanel.jpg [/img][/url]

WWF: l’idrogeno deve venire da fonti rinnovabili

La strategia dell’UE sull’idrogeno, pubblicata oggi, rischia di ritardare la decarbonizzazione industriale tenendo la porta spalancata per i combustibili fossili, come il gas.
La strategia sostiene che la priorità è l’idrogeno rinnovabile, ma smentisce immediatamente questa affermazione dicendo che l’idrogeno “a bassa emissione di carbonio” – cioè l’idrogeno prodotto dal gas con la cattura e lo stoccaggio del carbonio – è un’opzione fino ad almeno al 2030. Questo farà piacere all’industria del gas, che ha pesantemente esercitato azione di lobby nei giorni scorsi, ma è un disastro per l’azione dell’Unione Europea sul clima.
Inoltre, la strategia non considera l’impatto complessivo della produzione di idrogeno sull’ambiente, l’acqua e la biodiversità. È fondamentale che questi aspetti, certo non secondari, vengano presi in considerazione.
“L’idrogeno è un vettore energetico, quindi tutto dipende da come viene prodotta l’energia. La strategia europea dà il via libera a nuovo utilizzo di gas e questo minerebbe completamente l’obiettivo di neutralità climatica dell’UE. Gli Stati membri devono garantire che le loro strategie nazionali permettano di utilizzare solo l’idrogeno proveniente dal surplus fonti rinnovabili. È incredibile che nel 2020 ancora si giochi con gli aggettivi – idrogeno “pulito” e non verde o rinnovabile – per far rientrare in gioco i vecchi e ‘sporchi’ combustibili fossili”, Dichiara Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia.
La strategia non dà, inoltre, la priorità all’efficienza energetica e all’elettrificazione, che sono modi più efficienti e a basso costo per decarbonizzare l’economia. Né chiarisce le regole e le responsabilità che circondano le future infrastrutture per l’idrogeno. Tuttavia, dà priorità all’uso dell’idrogeno per alcuni settori in cui l’elettrificazione è difficile – come i settori ad alta intensità energetica, l’aviazione o la navigazione – che secondo il WWF è cruciale.
“L’idrogeno non deve diventare la nuova moda per la ricerca di ingenti finanziamenti e investimenti, ma deve essere impiegato laddove serve davvero, perché è un vettore che non si presta a tutto: oltretutto non converrebbe nemmeno dal punto di vista economico”, conclude Midulla

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

SARDEGNA

Studi e ricerche per il Carbonio 0